giovedì 14 maggio 2015

Bill Gates spende 75 milioni di dollari contro mortalità infantile


Molti risultati sono stati raggiunti nella lotta alla mortalità infantile nelle aree di sviluppo e dove la povertà dilaga ancora, si pensi che nel nel 1990 1 bambino su 10 moriva prima di compiere 5 anni, mentre oggi si è dimezzata con 1 decesso infantile su 20, ma non è ancora abbastanza.

Il fondatore della Microsoft e filantropo Bill Gates insieme alla sua associazione coordinata insieme alla moglie Melinda pensano di poter dare di più. L’approccio iniziale infatti sarà quello di instaurare dei centri di monitoraggio per analizzare le cause delle malattie, in particolare dove e con quanta frequenza esse attaccano i bambini, soprattutto in fase neonatale; si chiamano infatti CHAMPS, acronimo di Child Health and Mortality Prevention Surveillance Network e il costo iniziale sarà di circa 75 milioni di dollari.

"Il mondo ha bisogno di un approccio migliore, occorrono i dati della pubblica sanità più tempestivi non solo in caso della prossima epidemia, ma per salvare la vita dei bambini ora" - così ha dichiarato Gates all’annuncio del progetto.

Inizialmente saranno costruite 6 postazioni dislocate nelle aree sub sahariane e in Asia, ma Gates vorrebbe espanderle a 20 nei paesi dove la mortalità infantile è più alta, inoltre i centri di monitoraggio assicureranno una corretta somministrazione dei vaccini.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...