giovedì 31 luglio 2014

Giamaica presenta la più grande installazione ibrida solare ed eolica del mondo

SolarMills e pannelli solari by Windstream Technologies
La società Windstream Technologies in collaborazione con lo studio legale Myers, Fletcher & Gordon sta costruendo la più grande installazione solare ed eolica ibrida al mondo. Situata a meno di un quarto di miglio dalla costa Kingston, in Giamaica.

Il mega impianto dovrebbe generare circa 106.000 kWh all'anno, con un ritorno sull'investimento in meno di quattro anni, facendo risparmiare all'azienda di circa $2 milioni di dollari in costi energetici nel corso della sua durata di 25 anni.
Il tetto dello studio legale ha spesso raffiche di vento fino a 96,5 km all'ora. Fortunatamente i “mulini solari” non solo producono energia in modo sicuro, ma proteggono la struttura contro le ondate, generate da condizioni estreme.

I SolarMills (mulini solari) sono una tecnologia che utilizza turbine eoliche ad asse verticale e pannelli solari "intelligenti". L'energia generata da ogni SolarMill può essere utilizzata sia fuori rete per la vendita di energia in eccesso con un sistema di storage o invertita per l'uso in ambienti di connessione alla propria rete. Occupando meno ingombro rispetto ai pannelli solari, ogni SolarMill fornisce la più alta densità di energia attualmente disponibile sul mercato delle rinnovabili. I SolarMills sono realizzati negli Stati Uniti, ma la Windstream Technologies ha anche uffici a Hyderabad, in India, e stringe accordi di distribuzione in Turchia, Ghana, Liberia, Nuova Zelanda e Tanzania.

L'impianto ibrido solare/eolico è anche parte di un progetto della Jamaica Public Service (JPS) da 5,7 MW pianificato per essere distribuito in tutta l'isola nel corso dei prossimi 18 mesi. La JPS mira a fornire un maggiore accesso all’energia rinnovabile per la Giamaica, dove il costo è più di tre volte rispetto alla media degli Stati Uniti.

Vediamo come la tecnologia nel settore delle rinnovabili sta migliorando e si diversifica esponenzialmente, il costo sta scendendo sempre più rispetto alle convenzionali energie fossili, e in tutto il mondo assistiamo a mega installazioni che nel breve termine generano lavori per le imprese e lavoratori locali e nel lungo termine ci assicurano un risparmio sull’impatto ambientale ed economico davvero vantaggiosi, può l’Italia prendere esempio da queste realtà e avviare una rivoluzione tecnologica, avendo le caratteristiche, ovvero, energia solare, eolica e geotermica abbondanti?

Moving Forward.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...