martedì 17 dicembre 2013

UK Dyson Award sceglie un generatore di energia a onde marine

Fonte: Phys.org 
Il vento genera onde marine e agli scienziati interessa come sfruttare quell'energia in un campo chiamato energia delle onde. Sfruttare l'energia delle onde ha il potenziale per essere una forma particolarmente rispettosa dell'ambiente di generazione di energia elettrica e come fonte di energia nel settore tradizionale di produzione di energia elettrica, ma tutto questo resta in via di ricerca. Secondo la BBC News, alcuni approcci all’energia delle onde presentano limitazioni poiché funzionano meglio solo quando le onde si muovono in una direzione e sono meno efficienti in mari turbolenti. Entra qui in gioco il Renewable Power Wave (RWP), un generatore di potenza multi-asse che si comporta bene in qualsiasi condizione di mare e che ha raccolto il premio inglese James Dyson Award.
È un premio internazionale di design, il quale offre premi in denaro ai promettenti progettisti della nuova generazione. Il RWP ha ricevuto il premio della Gran Bretagna e il suo prossimo traguardo saranno le finali internazionali.

Il RWP è definito come un convertitore di energia delle onde multi-asse e semi-sommergibile, specificamente progettato per funzionare nelle Orcadi, in Scozia.
Il dispositivo RWP è in grado di assorbire le forze degli "alti e bassi" delle onde del Nord Atlantico in qualsiasi direzione. Tale capacità di sfruttare le forze delle onde indipendentemente da come l'acqua si stia agitando è quello che ha attirato molta attenzione. Il creatore è Sam Etherington. Egli ha scoperto che "E' meglio lavorare in accordo con le forze che respingerle".
Come funziona? Una lunga catena di pistoni non saldamente collegati assorbe energia dalle acque della marea che scorrono in modo imprevedibile. L'energia è generata quando la catena si flette nei punti alti e bassi di ogni onda. Come parte del progetto i dati sono stati acquisiti da boe ormeggiate nelle isole Orcadi e utilizzati per generare le onde in un serbatoio d'acqua alla Lancaster University.
Il RWP è passato attraverso varie simulazioni e iterazioni CAD. Etherington ha detto che il dispositivo è stato in parte ispirato dalle sue esperienze di kite surf e vela al largo della costa della Cumbria nell’Inghilterra nord-occidentale, dove vide come le onde del mare non si muovono spesso in modo prevedibile. Gli hanno anche ricordato la potenza pura delle onde e il loro potenziale per produrre energia. Scrivendo a Brunel, sito della University di Londra, dove Etherington ha studiato progettazione meccanica, ha dichiarato il suo interesse nell’avviare il progetto.
"Sembra un enorme spreco non usare tutta questa potenza naturale che è sempre disponibile ogni giorno. Usiamo solo circa meno dell’uno per cento delle risorse disponibili in tutto il Regno Unito, quindi, dato che abbiamo bisogno di più elettricità nei prossimi anni, potrebbe essere qualcosa di interessante da studiare".
Ulteriori test sono programmati per dimostrare l'efficacia del suo dispositivo. Parlando del futuro del dispositivo, il Dottor David Forehand dell'Istituto di Sistemi Energetici, un istituto di ricerca nella scuola di ingegneria presso l'Università di Edimburgo, ha detto alla BBC News che "il vero banco di prova per un dispositivo è il suo costo in energia".

Traduzione a cura di Nino Aloi

Altre notizie:
La Scozia sta per dispiegare la più grande fattoria idroelettrica, ad oggi, di energia delle onde( w/ video)

Ulteriori informazioni:
www.bbc.co.uk/news/technology-24070071
madeinbrunel.com/stories/view/sam-etherington

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...