mercoledì 7 marzo 2012

La malnutrizione rischia di rallentare la crescita a 450milioni di bambini

Circa 450 milioni di bambini saranno fisicamente e mentalmente disagiati nei prossimi 15 anni a meno che il mondo non prenda misure per lottare contro la malnutrizione, questo è l'avvertimento emerso mercoledi da un nuovo rapporto di Save the Children.
Ogni ora, 300 bambini muoiono a causa della mancanza di nutrienti nella loro dieta, mentre quelli che sopravvivono sono danneggiati in modo permanente, in un modo che ha un impatto sulle loro vite e le prospettive economiche dei loro paesi.
Il problema è diventato urgente a causa dell'instabilità dei prezzi alimentari, l'incertezza economica, il cambiamento climatico e gli spostamenti demografici.
In Asia, ad esempio, dove 100 milioni di bambini sono malnutriti, il rapporto prevede che i cambiamenti climatici graveranno sulla produzione alimentare, che si traduce in ulteriori sette milioni di bambini malnutriti entro il 2050.
"Il mondo ha fatto enormi progressi nel ridurre la mortalità infantile, in calo rispetto da 12 milioni agli attuali 7.6 milioni, ma anche con questo slancio non riusciamo a combattere la malnutrizione", ha detto il dirigente esecutivo della charity, Justin Forsyth.
Egli ha esortato il governo britannico a spingere ulteriormente per ridurre la malnutrizione con un vertice per la fame nel mondo che si terrà entro la fine dell'anno, approfittando della presenza di molti leader mondiali presenti a Londra per i Giochi Olimpici del 2012 in luglio e agosto.
"Ogni ora di ogni giorno, 300 bambini muoiono a causa della malnutrizione, spesso semplicemente perché non hanno accesso agli alimenti base che noi diamo per scontato nei paesi sviluppati", ha sottolineato Forsyth.
"Agendo su fame e malnutrizione, i leader mondiali hanno la possibilità di donare un futuro migliore per milioni di bambini in tutto il mondo."
Save the Children ha dichiarato che ci sono stati alcuni rimedi semplici, tra cui fortificare gli alimenti con vitamine e minerali e promuovere l'allattamento al seno.
Maritu, bambino di 9 anni dall'Etiopia, ha rammentato ai ricercatori che i suoi pasti sono costituiti da un piccolo pezzo di focaccia con una salsa di base.
"Noi non mangiamo nient'altro. Avere uova o carne una volta l'anno per le occasioni speciali non è sufficiente, ma i miei genitori mi danno tutto ciò che è disponibile".
Il corpo di un bambino si adatta a una mancanza di nutrienti a lungo termine, dando priorità ai bisogni vitali di organi e funzioni, piuttosto che alla crescita fisica o cognitiva, e il danno è in gran parte irreversibile.
(C) 2012 AFP

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...