martedì 31 gennaio 2012

Nei paesi in via di sviluppo solare più economico dei combustibili fossili.

Il progresso tecnologico sta portando l’energia solare al miliardo di persone che non ha ancora accesso alla rete elettrica.
La caduta dei costi dell’illuminazione LED, delle batterie e dei pannelli solari, il tutto unito a dei piani di business innovativi, stanno permettendo a milioni di famiglie in Africa, e non solo, di passare dalle lampade al keronese a un’illuminazione più pulita e sicura. Per molti questo vuol dire poter ricaricare i propri cellulari, che stanno diventando onnipresenti in Africa, invece di dover noleggiare un caricabatterie.
I progressi tecnologici stanno aprendo all’energia solare un nuovo ed enorme mercato: quel miliardo di persone nel mondo che non ha accesso alla rete elettrica. Anche se in genere molto poveri, questa gente deve pagare un prezzo molto più alto per la luce, di quello che si paga nei paesi ricchi e questo perchè usano ancora delle inefficienti lampade al kerosene. Mentre nella maggior parte del mondo l’energia solare costa tipicamente di più dell’energia ricavata con i metodi tradizionali – specialmente se si include il costo delle batterie – per alcune persone invece, il solare è un vantaggio economico perchè il suo costo è la metà di quello necessario per l’illuminazione al kerosene.
Centinaia di aziende stanno arrivando in picchiata con l’intenzione di afferrare una fetta in questo mercato.
“Questo settore è esploso”, dice Richenda Van Leeuwen, senior director del “Energy and Climate Team” all’ United Nations Foundation.”C’è stato un cambiamento epocale negli ultimi cinque anni”.
L’improvviso interesse, spiega, è stato fomentato dall’avvento dei LED a basso costo. Non molto tempo fa, alimentare una lampadina richiedeva un pannello solare in grado di generare dai 20 ai 30 watts, dal momento che solo le lampadine ad incandescenza erano convenienti. I LED invece sono molto più efficienti. Ora le persone possono avere luce brillante usando un pannello che genera solo un paio di watt di potenza, dice Van Leeuwen.
Questi miglioramenti tecnologici però, non sono sufficienti per aprire questo mercato. I sistemi a LED di alta qualità, con un paio di lampadine e una batteria di stoccaggio sufficiente per diverse ore di illuminazine, costano meno di 50 dollari. Il costo di questi sistemi può essere recuperato in meno di due anni, ma il prezzo iniziale è ancora troppo alto per molte persone.
Eight19 , un’azienda situata a Cambridge, nel Regno Unito, è una delle tante compagnie che offre un piano di pagamento per rendere questo sistema accessibile. I clienti pagano 10 dollari per il kit di illuminazione ad energia solare, che include un pannello da 2.5 watt, due LED, e una batteria fosfato di litio e ferro. Poi pagano una canone settimanale per l’energia che questo sistema genera.
Ogni settimana gli utenti comprano da un venditore locale una carta grattabile dal costo di circa 1 dollaro, . Questa fornisce loro un numero che dovranno mandare via sms a Eight19, per la verifica. L’azienda poi manderà loro un codice che il cliente dovrà digitare su una tastiera situata sulla batteria il quale sbloccherà elettronicamente il dispositivo per una settimana, permettendo alla batteria di alimentare i LEDs o un carica-batterie per il cellulare.

Molte altre aziende, comprese quelle leader nelle telecomunicazioni, stanno cercando delle varianti in questo approccio del pagamento ad ogni uso.Una cosa che posiziona Eight19 ad un’altro livello è che appena un cliente ha coperto il costo del dispositivo, in genere dopo circa 18 mesi, questo può essere scambiato con uno più grande, con un pannello più ampio, con più luci LED e una batteria più grande in grado di alimentare già una piccola radio. In questo modo, usando solamente quei soldi che avrebbero speso per il kerosene o per noleggiare il caricabatterie, gli utenti possono gradualmente arrivare al punto di avere abbastanza energia per un frigorifero, o qualche altra macchina con cui si possa magarei anche guadagnare, come una macchina da cucire, spiega Simon Bransfield-Garth, amministratore delegato di Eight19.
Questa azienda ha testato il sistema con diversi centinaia di clienti e sta avviando il progetto di vendere quattro mila impianti in collaborazione con il NGO Solar Aid, che li aiuterà nella distribuzione.
Eight19 tuttavia è un giocatore relativamente piccolo per ora. Le aziende più consolidate come D.light hanno venduto oltre un milione di sistemi di illuminazione ad energia solare. Bransfield-Garth vede un sacco di spazio per la crescita.”I più poveri stanno pagando prezzi sproporzionatamente alti rispetto alle loro esigenze” dice.”L’energia solare funziona bene in questo mercato”
Fonte: Technologyreview

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...