giovedì 8 settembre 2011

Il lavoro è davvero necessario? Oggi non più!

Premessa:
Questo articolo della CNN mi ha fatto letteralmente sobbalzare, in quanto non ho mai letto da nessun giornale dei media main stream parole così forti e cosi vere, sta cambiando gente, vediamo di diffondere.
Il servizio postale statunitense sembra essere l'ultima vittima del lento ma costante aumento della tecnologia. L'ufficio postale dovrà ridimensionare drasticamente le sue operazioni, o semplicemente spegnerle del tutto. Così 600.000 persone saranno senza lavoro, e 480.000 pensionati di fronte restrizioni di termini contrattuali.
Possiamo incolpare uno di destra che tenta di minare lavoro, o uno di sinistra che cerca di preservare i sindacati di fronte ai tagli aziendali e governativi, ma il vero colpevole in questo caso è l'e-mail.
Le persone inviano -22% di oggetti via posta rispetto a quattro anni fa, optando per il pagamento online.
Le nuove tecnologie stanno devastando l'occupazione, dai pagamenti EZ-pass alle Google car, automobili senza conducente che rendono i comuni taxi obsoleti. Ogni programma nuovo di un computer sta fondamentalmente sostituendo l'uomo in un compito, ma il computer di solito lo fa più veloce, più preciso, più economico, e senza costi di assicurazione sanitaria.
Ci piace credere che la risposta appropriata è quello di formare l'uomo per il lavoro di livello superiore.
Così il presidente Obama va in televisione, e dice che il grande problema del nostro tempo è il lavoro, lavoro, lavoro.
Ho paura di chiedere anche questo, ma da quando la disoccupazione è veramente un problema? Capisco che tutti noi vogliamo buste paga, vogliamo cibo, riparo, vestiti e tutte le cose che i soldi comprano, ma abbiamo tutti voglia di posti di lavoro?
Stiamo vivendo in una economia dove la produttività non è più la meta, ma lo è l'occupazione. 
Questo perché fondamentalmente abbiamo praticamente tutto, l'America è abbastanza produttiva che potrebbe alimentare, educare e anche fornire assistenza sanitaria per tutta la sua popolazione, con solo una piccola parte che lavorano.
Secondo la Food and Agriculture Organization, c'è abbastanza cibo prodotto per fornire tutti nel mondo con 2.720 chilocalorie per persona al giorno, nel frattempo le banche americane sono sovraccariche di proprietà pignorate e demoliscono abitazioni vacanti, per ottenere le case vuote per i loro libri.
Il nostro problema non è che non abbiamo materiale a sufficienza, ma che non abbiamo modo sufficiente per  permetter alle persone di lavorare e dimostrare di meritare questa roba.
Il lavoro come lo conosciamo oggi è un concetto relativamente nuovo, le persone possono avere sempre lavorato, ma fino all'avvento della società nel primo Rinascimento, molte persone semplicemente lavoravano per loro stesse, producevano scarpe, polli spennati, o creavano valore in qualche modo per gli altri, che poi scambiavano o pagavano per i beni e servizi, dal tardo Medioevo, la maggior parte d'Europa era fiorente ai sensi del presente accordo.
Gli unici che perdevano ricchezza erano gli aristocratici, che dipendevano dai loro titoli, e dal ricavare soldi da coloro che lavoravano per loro.
E così inventarono i monopoli, per legge le piccole imprese che producevano tanto furono chiuse, e la gente doveva lavorare per le grandi aziende, da allora in poi, per la maggior parte di noi, il "lavorare" è divenuto lo scopo per ottenere un "lavoro".
Dell'era industriale in poi le tecnologie, come la catena di montaggio, era meno importante per rendere la produzione più veloce e più economica, e gli operai più sostituibili, in quanto serviva per dare lavoro a chi aveva poche competenze.
Ora che siamo nell'era digitale, stiamo usando la tecnologia allo stesso modo per aumentare l'efficienza, licenziare più persone, ed aumentare i profitti aziendali.
Mentre questo è certamente un male per i lavoratori e sindacati, ma quanto realmente fa male per la gente, non è questo lo scopo della tecnologia? La domanda che dobbiamo cominciare a chiederci non è come possiamo impiegare tutte le persone che sono rese obsolete dalla tecnologia, ma come possiamo organizzare una società intorno a qualcosa di diverso dal lavoro? Potrebbe lo spirito di impresa che attualmente associa il termine "carriera", essere sostituito da qualcosa di più collaborativo, propositivo, e con maggiore significato?
Al contrario, stiamo cercando di utilizzare la logica di negoziare in un mercato di finta scarsità, quando in realtà viviamo nell'abbondanza, ciò che manca non è il lavoro, ma un modo di distribuire equamente il bottino che abbiamo generato attraverso le nostre tecnologie, in un mondo che produce troppo.
La risposta comunista a questa domanda era distribuire tutto in modo uniforme, ma minò la motivazione ed il mercato del lavoro. L'opposto, risposta libertaria (e il modo in cui sembrano andare le cose in questo momento) sarebbe quello di permettere a coloro che non riescono a capitalizzare di soffrire, di tagliare i servizi sociali insieme ai loro posti di lavoro.
Ma ci potrebbe essere ancora un'altra possibilità, qualcosa che non si poteva immaginare fino all'era digitale,  il pioniere della realtà virtuale, Jaron Lanier ha recentemente ricordato, non abbiamo più bisogno di fare cose per fare soldi, possiamo invece scambiare informazioni sulla base dei prodotti.
Iniziamo dichiarando che il cibo ed il riparo sono diritti umani fondamentali, il lavoro che facciamo, il valore che creiamo, è per il resto quello che vogliamo: costituisce la roba che rende divertente la vita, che da un significato.
Questo tipo di lavoro non favorisce l'attività creativa, e a differenza dell'età dell'occupazione industriale, la produzione digitale può essere fatta da casa, in modo indipendente, anche in una rete peer-to-peer, senza passare per grandi aziende. 
Siamo in grado di creare giochi per gli altri, scrivere libri, risolvere problemi, educare e ispirarci l'un l'altro, tutto attraverso i bit invece di roba, e ci paghiamo tra noi usando gli stessi soldi che utilizziamo per acquistare roba vera.
Per il momento, come ci muoviamo per rallentare l'economia mondiale, attraverso la distruzione degli alimenti e demolendo case, potremmo desiderare di smettere di pensare a lavori come il principale aspetto della nostra vita.
Essi possono essere un mezzo, ma non un fine.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...