venerdì 16 settembre 2011

Giappone pianifica parchi eolici galleggianti vicino a Fukushima.

Giappone progetta di costruire un parco eolico galleggiante vicino alla zona colpita nel disastro nucleare di Fukushima, un funzionario del governo ha detto questo giovedì.
"Fa parte dello sforzo del governo per la ricostruzione della zona", inoltre un funzionario presso l'Agenzia per le risorse naturali e dell'energia ha dichiarato.
"Costruire turbine eoliche sulla terraferma sarebbe stato più difficile, a causa dei problemi di inquinamento acustico e per il piano regolatore della città", ha detto il funzionario, che ha chiesto di non essere nominato.
L'agenzia per l'energia prevede di destinare fino a 20 miliardi di yen (€189.336.190) per il progetto, con il denaro proveniente da un budget extra speciale destinato a finanziare la ricostruzione del disastro, ha riferito il funzionario.
Tokyo è alla ricerca di modi per ridurre la sua dipendenza da energia atomica, reduce dalla peggiore crisi nucleare del mondo dopo Chernobyl.
Il progetto prevede sei turbine eoliche galleggianti, ciascuna con una capacità di due megawatt, che i progettisti sperano di realizzare entro il 2015.
Il governo si aspetta che le principali case produttrici di turbine eoliche, come Mitsubishi Heavy Industries, Fuji Heavy Industries e Japan Steel Works, prenderanno parte.
Il governo ha predisposto un raggio di 20 km raggio attorno al luogo del disastro come zona off-limit, costringendo decine di migliaia di evacuare. 
Gli sfollati ancora non hanno idea di quando potranno tornare a casa.
La diffusa sfiducia pubblica della tecnologia ha portato il primo ministro Yoshihiko Noda ad impegnarsi per ridurre la dipendenza dal nucleare, che rappresenta un terzo dell'approvvigionamento energetico del Giappone prima del disastro, e per rafforzare i progetti di energia rinnovabile.


Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...