sabato 27 agosto 2011

Il MIT stampa celle solari su carta o stoffa

Questa è una nuova cella solare, stampata su un comune pezzo di carta, pieghevole e flessibile tanto da riporla in tasca.
La nuova tecnologia, sviluppata da un team di ricercatori del MIT, è riportata in un articolo sulla rivista Advanced Materials, Il lavoro è stato sostenuto dal Programma di Eni-MIT Solar Frontiers Alliance e la National Science Foundation.
La tecnica rappresenta un allontanamento dai sistemi utilizzati fino ad ora per creare maggior parte delle celle solari, che richiedono substrati potenzialmente dannosi, sia in forma liquida ed temperature elevate. Il processo di stampa non usa vapori, liquidi e/o temperature inferiori ai 120 gradi Celsius.
Cella solare stampata su carta
Questi "dolci" condizioni rendono possibile l'uso normale della carta non trattata, stoffa o di plastica, ovviamente sono un po' più complesse della semplice stampa di una tesina.
Al fine di creare un agglomerato di celle fotovoltaiche sulla carta, cinque strati di materiale devono essere depositati su uno stesso foglio di carta, nei passaggi successivi, utilizzando una maschera (anche di carta) per formare i modelli di celle sulla superficie, il processo infine deve avvenire in una camera a vuoto. 
Il processo di base è essenzialmente lo stesso di quello usato per fare il rivestimento argenteo nel sacchetto di patatine fritte, il processo potrà essere effettuato a buon mercato su vasta scala commerciale. 
Le nuove celle solari inoltre sono resistenti e continuano a funzionare anche quando sono ripiegate per formare un aeroplano di carta.
Processo di realizzazione
Nel loro documento, i ricercatori del MIT descrivono anche la stampa di una cella solare su un foglio di plastica PET (una versione più sottile del materiale utilizzato per le bottiglie di soda) può essere stressata piegandola 1.000 volte, senza alcuna perdita significativa di prestazioni, al contrario delle celle convenzionali. "Abbiamo dimostrato abbastanza a fondo la robustezza di questa tecnologia," afferma il Professore di ingegneria elettronica Bulovi. Inoltre, a causa del basso peso della carta o del substrato di plastica rispetto al vetro tradizionale o altri materiali, "pensiamo di poter fabbricare celle solari che potranno raggiungere il record di alta performance watt per chilogrammo. Per le celle solari con tali proprietà, si aprono una serie di applicazioni tecnologiche, oltre alle prove di pieghevolezza, il team del MIT ha cercato altri test di robustezza del dispositivo, hanno preso una cella solare di carta e passandola attraverso una stampante laser, sottoponendola ad l'alta temperatura di fusione del toner e dimostrando che funzionava ancora. 
Le celle di prova che il gruppo ha prodotto l'anno scorso ancora funzionano, dimostrando la loro durata. Nelle celle solari tradizionali di oggi, i costi dei componenti inattivi: il substrato (di solito vetro) che supporta il materiale attivo fotovoltaici, le strutture di supporto e i costi di installazione, sono in genere superiori al costo del film attivo delle celle stesse, a volte il doppio.
Essere in grado di stampare direttamente su celle solari economiche, con materiali facilmente reperibili come la carta o stoffa, e quindi facilmente fissabili, potrebbero in ultima analisi consentire di ridurre drasticamente i costi degli impianti solari.
Per gli usi esterni, i ricercatori hanno dimostrato che la carta può essere rivestita con un laminato standard, per proteggerlo dalle intemperie.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...