giovedì 28 aprile 2011

La magnifica stranezza dell uomo


Clicca su Play e seleziona i sottotitoli in italiano
Mentre niente è più facile che denunciare un malfattore, ma niente è più difficile che capirlo
Fëdor Dostoevskij
Non vi sembra strano? Ogni volta che osserviamo una persona soffrire o gioire, stranamente, ne assorbiamo la situazione, ci immedesimiamo in essa, qual'è la spiegazione? Cosa fa si che soffriamo per un estraneo quando noi stiamo benissimo?
Si chiama Empatia, ed è il fattore reale che ha permesso all essere umano di evolvere e di piazzarsi in cima alla catena alimentare nonostante fosse fisicamente debole, dall'empatia deriva la capacità di soffrire o gioire per gli stati d animo di chi è intorno a noi, e non c'è reddito, lussuoso appartamento, feste al bilionaire o fiammanti ferrari che possano esimere un individuo dal condividere emozioni prese dall'esterno, appena mettiamo un piede fuori e constatiamo quella che è la realtà, parte un circolo che si innesca, ovvero quello della condivisione sociale.
Scientificamente è stata dimostrata da cosa deriva questa empatia, con la scoperta tutta made in Italy dei Neuroni specchio (video), vi consiglio di guardare entrambi i video per avere ben chiara la situazione.
Nel video sopra elencato Sam Richards, sociologo, fa un esperimento molto "terra terra", ma qualitativo, dove chiede alle persone in sala di guardare certe foto e comportarsi in una certa maniera, il risultato è buono ed almeno a me ha suscitato una grande emozione, e un punto su cui riflettere per valutare pregiudizi e caratteri culturali che abbiamo ereditato tradizionalmente dalla società, che non sono mica tutti giusti!

Buona visione.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...