martedì 25 gennaio 2011

Il mondo intero sta fallendo, è in nome di cosa? Dei soldi?


Dopo la Tunisia, l'Albania ora è il turno dell'Egitto, in Europa Irlanda, Grecia, Portogallo e tra poco Spagna e noi, dovremo affrontare dure prove e mettere in discussione la nostra intera società così come è composta e PRETENDERE un cambiamento, non va bene, così non va affatto bene.
Via i soldi che sono solo pezzi di carta senza copertura e con incorporato un debito, via la piramide politica del potere, la democrazia è partecipazione di tutti e non di oratori come i nostri politici che non hanno nessuna facoltà o conoscenza per risolvere i problemi reali.
Vi riconduco alla domanda quindi, è mai possibile che tutto il mondo stia crollando, che stiano avvenendo rivoluzione perché la gente non ha soldi? Ma le risorse sono lì le abbiamo per vivere meglio, e le avevamo già 20 anni fa! Il cibo, l'acqua l'aria pulita e le nostre reali necessità non sono state generate dai soldi ma dalla natura che ci circonda, la natura non ha proprietari e non può essere "barattata" con i soldi, non sono mica i soldi che mangiamo o che usiamo per far partire la nostra auto o che educano i nostri figli, non abbiamo bisogno di soldi perché sono il "tramite" che creano disparità sociale e quindi criminalità, infelicità e soprattutto guerre, dove muoiono bambini e civili innocenti, è tutto correlato alla moneta, un istituzione quasi religiosa, che non ha atei o profani ma che non è naturale, non lo è e dobbiamo capirlo subito altrimenti i signori che gestiscono le nostre vite, politici e banchieri non la smetteranno finché non rimarrà neppure un essere umano vivo, non possiamo permettergli di ucciderci l'un l'altro, sono loro che se ne devono andare, come allora  avverrà il cambiamento mi domandano in molti, non facendo rivolte violente, ma togliendogli il loro "carburante" che gli consente si rimanere lì e che gli consente di mantenere il loro status quo, italiani, europei, mondo siamo tutti sulla stessa barca, svegliamoci, fate cultura, è la cultura che cambia il mondo più di tutte le guerre e le rivolte del mondo messe insieme! Abbandoniamoli e pretendiamo di essere liberi, liberi dal capitalismo e liberi da questa corruzione che scatena criminalità e povertà, liberi di poter crescere sereni senza pensare che senza un lavoro monotono non potremmo vivere, dobbiamo resettare tutto ciò che ci hanno inculcato da piccoli per tenerci oppressi in questo malato e contorto meccanismo i cui ingranaggi sono: Capitalismo e Guerra.
Buona fortuna a tutti

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...