martedì 31 agosto 2010

Food inc. l'industria del cibo killer

Ecco come in America producono e ammazzano le persone attraverso il cibo, ovviamente i loro prodotti vengono esportati anche qui quindi tocca anche a noi, personalmente dopo aver visto questo docu-film non andrò più nei fast food e non comprerò più nulla di americano, e attenzione leggere sempre l'etichetta!
Ps: vedere tutte le 9 parti!

lunedì 30 agosto 2010

No alla lapidazione di Sakineh, firma anche tu!

Tratto da La Repubblica.it, link per firmare l'appello

"Una donna di 43 anni, madre di due figli, Sakineh Mohammadi-Ashtiani, rischia nella Repubblica Islamica dell'Iran l'esecuzione per lapidazione (dopo aver ricevuto come "punizione" pubblica, e in presenza di uno dei suoi figli, a titolo di "esempio", 99 colpi di frusta)".
"I suoi crimini agli occhi delle autorità politico-religiose di questo paese? L'adulterio, che non è un crimine né un delitto. Ma, soprattutto, la presunta complicità in un omicidio che è stata costretta a confessare, talmente costretta che ha poi subito ritrattato".
"Cosa bisogna pensare di questi metodi diretti a estorcere pretese verità? Noi, firmatari di questo testo, facciamo appello dunque alle autorità iraniane perchè mettano fine a questo tipo di procedure, oltre che a queste punizioni inique e barbare.
Ci uniamo a tutte le iniziative già intraprese dalle organizzazioni di difesa dei diritti dell'uomo, quali Human
Rights Watch e Amnesty International, a favore della signora Sakineh Mohammadi-Ashtiani".
"Per il rispetto della dignità e della libertà di tutte le donne iraniane".

Passaparola, lunedì 30 Agosto 2010

Podcast Zeitgeist Italia: 29 agosto 2010


Link

Trentesimo incontro teamspeak, 29 agosto 2010
- Zeitgeist III: moving forward sta arrivando... http://zeitgeistitalia.org/node/1415
- cambio server!
- studio di usabilità sito e nuove funzionalità: contattare Mirthis.
- google translator toolkit http://www.youtube.com/watch?v=C7W2NJFdoIg
- utente Alburton Guyot, grafiche per brochure e volantini
- report conferenza Zeitgeist: Addendum
- gli incontri teamspak si trasformano: una settimana incorro ufficiale con podcast e una settimana incontro informale per discussione libera

Ogni due domeniche, ore 21:30, incontro via chat Zeitgeist Italia per tutti gli attivisti che vogliono darsi da fare. Qui trovate le istruzioni per connettervi:
http://zeitgeistitalia.org/podcast

sabato 28 agosto 2010

Podcast Zeitgeist Italia: 22 agosto 2010


link

Ventinovesimo incontro teamspak, 22 agosto 2010.

- Aggiornamenti
- Conferenza Zeitgeist Addendum
- Earth Overshoot Day

Ogni domenica, ore 21:30, incontro via chat Zeitgeist Italia per tutti gli attivisti che vogliono darsi da fare. Qui trovate le istruzioni per connettervi:
http://zeitgeistitalia.org/podcast

Don Gallo, no alla Mondadori

Firmate la petizione per far costruire un università a Scampia


Ecco il link, seguire le istruzioni in basso alla pagina

mercoledì 25 agosto 2010

Lettera al sindaco di Casoria Stefano Ferrara contro la centrale a biomassa


Evento Facebook
Inviare questa mail a quest' indirizzo: sindaco@comune.casoria.na.
it
CONDIVIDI

Sig. Sindaco,

...Apprendo con preoccupazione che nei prossimi giorni inizierà la costruzione di una centrale elettrica alimentata a biomasse (oli vegetali) in zona Lufrano ad Arpino.

Vengo a sapere che il permesso a costruire è stato concesso dalla Regione Campania nel 2008 anche con il parere positivo dei dirigenti all’ambiente e all’urbanistica del Comune di Casoria senza che ne fosse informato il Consiglio comunale.

Sono contrario come casoriano e come cittadino del mondo alla proliferazione di centrali alimentate da biocarburanti a “filiera lunga”. Oltre all’inconveniente di causare nel territorio in cui sorgono emissioni non propriamente ecologiche, ne comportano uno ancora più grave: la deforestazione di enormi aree in paesi poveri. Attualmente sono previsti incentivi in favore di chi costruisce centrali di questo tipo.

Sarebbe opportuno riservare gli incentivi unicamente a chi costruisce centrali a “filiera corta”, in altre parole alimentate da combustibili prodotti entro 70 km dal luogo in cui sorge l’impianto. Questa soluzione evita nei paesi del Terzo Mondo gli effetti negativi accennati sopra e ne produce di positivi sul territorio nazionale perché incoraggia investimenti e sforzi nel settore che si occupa di produrre i biocombustibili, con notevoli benefici per le foreste, che vengono curate di più e gestite in maniera razionale, e per il mercato del lavoro.

Le grandi centrali come quella prevista dall’Arin ad Arpino hanno dimensioni che rendono indispensabile l’uso di combustibili provenienti da angoli lontani del mondo. In alcuni casi la loro costruzione può essere motivata prevalentemente dagli incentivi statali.

L’olio di palma (combustibile della centrale di Arpino) è al centro di fortissime contestazioni da parte di grandi organizzazioni ambientaliste, ma anche da parte di comunità e di amministrazioni locali italiane.

L’olio di palma, questo è accertato, causa la deforestazione di immense aree (soprattutto in Indonesia). Questo riduce la produzione mondiale naturale di ossigeno. E aumenta quella di anidride carbonica, visto che per deforestare spendendo il meno possibile e facendo più presto che si può s’incendiano le foreste. In altri casi si smette di coltivare la terra per fini alimentari. E questo in regioni dove il cibo non abbonda!

Da questo punto di vista si può paragonare l’energia prodotta bruciando olio di palma alle pellicce di foca: a non sapere da quale animale provengono e quali metodi sono adoperati per prenderle non ci si rende conto che dietro a ogni pelliccia c’è violenza. Allo stesso modo un Megawatt di energia ricavata dall’olio di palma non è per nulla più “etico” di uno ricavato dal petrolio. Semplicemente è conveniente per qualcuno.

Oggi tutti siamo disposti a favorire le energie cosiddette “alternative”, “rinnovabili”, “sostenibili”. L’importante è non farsi abbindolare e non dimenticare che lo speculatore cambia rapidamente pelle e sa, se vuole, presentarsi come un amico dell’ambiente.

L’opinione pubblica ha il diritto di sapere dove si pensa di acquistare il 100% del combustibile, e le Autorità hanno il dovere di fermare chi contravviene alle regole.

Esistono studi secondo i quali una centrale a olio di palma emette sostanze inquinanti. I cittadini hanno il diritto di sapere cosa conterrà l’aria che respireranno quando una di quelle centrali sorgerà a poca distanza da casa loro. Salvo che non si decida che gli interessi di un magnate o di un soggetto locale di entità rilevante per le piccole dimensioni di quella località, ma tutto sommato modesto a livello nazionale, contano più di quelli di centinaia di migliaia di abitanti.

Se fosse così vorrebbe dire che il concetto di democrazia espresso nella Costituzione non ha più valore, che democrazia s’intende: associazione tra soggetti grandi, medi e piccoli che si alleano per un’iniziativa di tipo speculativo. Fregandosene di tutto e di tutti: dei popoli del Terzo Mondo e dei loro concittadini.

Le chiedo, pertanto, di attivarsi per interrompere i lavori di costruzione e di spiegare alla città in un consiglio comunale convocato “ad hoc” come si sia potuto autorizzare, in pieno centro abitato e vicino ad una scuola media (la Puccini) una centrale di 8,7 mega watt quando la confinante Casalnuovo, tramite la sua Amministrazione comunale, ha deciso di chiudere un impianto analogo addirittura di minore potenza rispetto a quello previsto per la nostra città.

È tempo di cambiare, ora!

lunedì 23 agosto 2010

Solar Roadways, le autostrade solari

Energia solare, ricavabile anche di notte!

da: ictblog.it
(Era il 07 febbraio 2007) -

Dall'Idaho National Laboratory buone notizie. Secondo alcuni principi scientifici conosciuti da tempo, è possibile immagazzinare l'energia proveniente dallo spettro infrarosso della luce.
Se dunque il principio era noto, non lo era altrettanto il meccanismo con il quale riuscire in questo intento.

L'Idaho National Laboratory ha annunciato lo scorso dicembre di aver messo a punto un sistema attraverso il quale si riuscirebbe a catturare questa energia grazie a ll'utilizzo di nanoantenne stampate a forma di spirale su un foglio di plastica.

La dimensione di queste nanoantenne sono pari alla 25esima parte di un capello umano.

Ma quale reale vantaggio porterebbe questo principio e il meccanismo di immagazzinaggio dell'energia?
Semplice.

L'energia proveniente dalle frequenze infrarosse della luce sono presenti durante le ore diurne e giungono sulla terra grazie al sole.
Ma l'aspetto incredibile è che la luce infrarossa è presente anche durante le prime ore della notte. Infatti è lo stesso calore della Terra che ha accumulato durante il giorno e che successivamente rilascia in forma di raggi infrarossiche .
In questo modo le nanoantenne sarebbe in grado di continuare a lavorare per molte più ore rispetto ad un pannello solare tradizionale, portando un sostanziale vantaggio economico.


Se a questo aggiungiamo che il costo di produzione di questa tecnologia (ricordiamo, le nanoantenne vengono stampate su un foglio di plastica) è relativamente basso (possono essere realizzate praticamente con qualsiasi metallo con buon grado di elettroconduzione), inoltre vanta un'alta efficienza (riesce a trasformare in energia fino all'80% dei raggi che colpiscono le antenne) e ha un basso impatto ambientale (non si usa silicio ed altri minerali speciali ed inquinanti), le potenzialità di questa ricerca e questo sviluppo sono enormi.
Lasciamo immaginare solo a voi le possibili applicazioni.


Speriamo vi siano presto altre buone notizie a riguardo.

Poadcast zeitgeist italia del 15 agosto


Ecco la registrazione della riunione tramite teamspeak per info andate sul sito ufficiale sulla sinistra del blog

Scie chimiche, armi militari del futuro?

giovedì 19 agosto 2010

Cossiga, un glande uomo!


Non parlo, anzi non scrivo...lascio a voi guardare! leggete prima questo post, giusto per rinfrescarvi la memoria, qui vorrebbero riabilitare tutti, vedrete che anche Andreotti sarà santificato, ma alla fine era solo un emerito testa di glande, pagato da noi.

Un po' di ironia col nostro caro Tony Troja

venerdì 6 agosto 2010

Chi votiamo? Chi c'è di nuovo?

di Vincenzo Barbato

Oramai ci siamo tutti resi conto che il governo insieme al sultanato di Berlusconi si sbriciola come un biscotto, allora da un lato si minacciano le elezioni (Pdl), dall' altro quei finti oppositori del Pd vogliono un governo tecnico di larghe intese, cosa significhi non lo so e non mi interessa, non parlo politichese!
Quello che so è che se noi riandiamo alle urne, si cambieranno solo i nome delle coalizioni o dei partiti, ma le teste saranno sempre le stesse, quindi non cambierà perfettamente nulla, ci hanno preso per il culo una vita intera, promettendoci un paese migliori.
Io sono un ragazzo è voglio vedere un cambio, un cambio di contenuti, un cambio generazionale, non voglio più che il mio paese sia il fanalino di coda dell' Europa, non voglio più che il mio paese sia 72 per la libertà di stampa, non voglio più che il mio paese sia l' ultimo per la banda larga, non voglio più che il mio paese sia l' ultimo in Europa che mette la questione ambiente in un ripostiglio dimenticandosene, non voglio più che il mio paese abbia Berlusconi, un puttaniere mafioso piduista che ha avvelenato l' Italia con i suoi discorsi e le sue televisioni spazzatura, non voglio vedere più D'Alema che mise nel '94 con la bicamerale il paese in mano al proprietario della Fininvest, non voglio più vedere Bersani, Franceschini, Bossi, Fini, Veltroni, Fassino, Casini, Nichi Vendola , Di Pietro e tutti quelli che ora fanno i ribelli ma che a tempo debito collaboravano con chi voleva solo lucrare sulle teste di operai, medici, insegnanti, polizia e ogni italiano onesto coglione che sta ancora li a pagare le tasse e che non dichiari 30.000 euro mentre gira con una bella ferrari nuova e fiammante, sono stanco che si facciano ombre su Saviano, che è considerato in tutto il mondo un eroe mentre qui ci sono politici che lo mandano a ciapa i ratti, come Castelli della Lega.
Tutti quanti voi che leggete il mio modesto blog sapete che sono un grillino, e che condivido le battaglie dei ragazzi che agiscono sul territorio e che senza trarne nulla si espongono portando avanti iniziative importantissime (vedi post inerenti il Movimento 5 stelle), vi chiedo a tutti voi napoletani, campani, italiani, di votare, di mettere quella dannata firma su un partito che vi dia speranza e siurezza, una firma che vi faccia sentire sicuri che quelli per cui abbiate affidato ruoli importanti facciano avverare le vostre pretese, non dimentichiamoci che siamo noi i loro datori di lavoro e che loro son pagati (anche troppo) con le nostre tasse.
L' elenco che vi propongo è inquietante, e vi posso augurare solo una cosa, non pretendo che il mio discorso cambi il vostro modo di pensare e non pretendo neanche che votiate per il MoVimento 5 Stelle qualora si presentasse alle elezioni nazionali, vi chiedo di leggere il programma nuovo ed innovativo, perché fatto da persone nuove e pulite, conosciute direttamente da me, io mi fido e non mi sono turato il naso alle elezioni regionali votando loro, avendo 40.000 voti senza pubblicità, e senza grandi stanziamenti di soldi.
Votate con responsabilità pensando solo al bene del paese, della comunità e non solo a voi stessi, solo così cambieremo realmente il paese.

Mission of Peace?

giovedì 5 agosto 2010

Una pensione per questo cagnolino (mio)


Ciao a tutti, siccome parto per le vacanze tra poco e mancherò una settimana, volevo che qualcuno di voi mi potesse consigliare una buona pensioncina per il mio cagnolino, preferibilmente in zona Napoli e periferia, sono disposto anche ad affidarlo a qualche volontario coraggioso!
Scherzo è un amore di cane, fatemi sapere.
Grazie
per info vikthebest@libero.it ^^

Il valore indescrivibile del web

mercoledì 4 agosto 2010

Rimborsi si, rimborsi no, ecco la verità


Ecco una rettifica che il Mattino potrebbe fare a proposito dei rimborsi elettorali aboliti da un referendum che il MoVimento 5 Stelle NON ha accettato ecco a voi l' articolo

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...