lunedì 29 novembre 2010

Wikileaks getta il mondo nel caos, e Berlusconi se la ride



La rete colpisce di nuovo, il mondo politico mondiale è ormai nel caos più assoluto dopo le email pubblicate da Wikileaks, si evince da queste indiscrezioni che i rapporti tra i paesi sono tutt altro che cordiali e sani, ognuno è in allerta che lo stato concorrente possa avere il predominio su l'energia o militarmente attraverso armi atomiche, di sicuro noi  italiani non ci facciamo una bella figura da quanto esposto dal sito.
Dalle mail scambiate tra le ambasciate americane risulta che il nostro presidente del consiglio, il nostro capo di governo è deriso manco fosse un pagliaccio, infatti viene descritto come debole sia fisicamente che politicamente, cosa nota dalla maggior parte degli italiani che guardano mediaset e buona parte della RAI come un Benny Hill Show, si aggiunge che le sue orgie derivate da party a luci rosse danno molto fastidio e di sicuro non assicurano fiducia da parte dei paesi sia della comunità europea che degli usa, questi naturalmente sono solo degli antipasti, da Wikileaks si apprende anche di una paura degli stati europei del rapporto che Putin ha con Berlusconi, che lo definiscono come il portavoce dell'ex premier russo, tali preoccupazioni sono saltate fuori da accordi nell ambito energetico poco chiari.
Non ci resta che aspettare altre "bombe" per capire cosa davvero pensano i nostri capi di governo.
Mi è piaciuto mettere in evidenza il fatto che mentre i leader del mondo si baciano e si abbracciano in realtà pensano l'esatto opposto, lo sappiamo bene tutti B che persona è, e ci mancherebbe altro!
Ma un conto è leggere delle vicende del premier tramite la stampa, un altro è leggerle da ciò che le ambasciate(e quindi i governi) pensano, il che è tutt altra cosa! 

Ecco perchè Wikileaks sta facendo tanto clamore, ed auspico un flusso di notizie ancora più forte!

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...