domenica 3 ottobre 2010

La cultura dell'incenerire non crolla mai!


In vista della prossima costruzione di un “termovalorizzatore” nell’ area est di Napoli, con pareri già approvati dalla giunta, ci siamo ritrovati oggi a S. Giovanni (NA), dove si è tenuto il raduno di auto e moto d’epoca.

Insieme al comitato no inceneritore di Ponticelli e altri amici di comuni limitrofi abbiamo deciso di manifestare il nostro dissenso, dopodiché ho colto l’occasione per intervistare Antonio Borriello, capogruppo Pd di Napoli, (partecipante al raduno) che come noto si dichiarava contro gli inceneritori, ma poi nel concreto non solo si è astenuto dal firmare per sfiduciare il progetto, è anche un finto anti-inceneritorista, infatti(come è possibile notare dalla video-intervista) secondo lui l’inceneritore sarebbe essenziale per lo smaltimento dei rifiuti associato ovviamente ad una raccolta differenziata, nulla di più ridicolo.

Peccato che la politica di oggi non solo è lontana anni luce dal realizzare gli interessi dei cittadini, ma dimostra ignoranza tecnica sul come si vogliono affrontare questi problemi, che in altri paesi evoluti non sussistono minimamente, in più i cari signori non appena hanno sentito parlare di una valida proposta come il modello Vedelago mi hanno abbassato la telecamera e sono scappati senza dar risposta, che dire questa è la politica di oggi.

Fidarsi di loro? Non credo proprio!

Photogallery

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...