sabato 1 maggio 2010

OGGI LA CINA, DOMANI NOI

di Vincenzo Barbato

Questo governo che si definisce sia di destra, sia liberare, a mio avviso sembra che si stia comportando proprio come i paesi che continua a calunniare, gli stati comunisti. Perché in fin dei conti qual è la differenza che passa tra loro e noi? vogliono rendere la stampa serva del governo e non dei cittadini, vogliono monopolizzare tutto(in privato anziché statale, il che è peggio perché entreranno tanti soldi in poche tasche) acqua, appalti e concessioni, vogliono buttar fuori immigrati, omosessuali e non cristiani, mettere paletti che dividano il nord dal sud, con il federalismo fiscale, così chi è più ricco si arricchisce e chi sta in cancrena verrà amputato da quella che era una volta l unità d Italia.
La libertà di stampa non è mai stata attentata in così malo modo andando in barba pienamente rispetto all’ articolo 21, il governo ha presentato un ddl per censurare le intercettazioni punendo chi le pubblica con una multa che arriva fino a 300.000 euro e una condanna fino a 4 anni di carcere, quindi chi fa il giornalista serio in Italia è potenzialmente un criminale, si rovescia la realtà calpestando professionisti con la scusa della privacy, è così che a Ballarò il ministro Bondi(link) la definisce questa norma ma non parla del conflitto eterno di interessi che ha sballato la nostra democrazia, e quando ne parla Di Pietro va di matto.
Almeno abbiamo avuto, seppur deboli, delle reazioni da parte dell’Idv (il Pd fa orecchie da mercante) che minaccia in caso di approvazione della legge, di far ascoltare a tutti in ogni seduta parlamentare un intercettazione, ed a Piazza Navona intanto si sono riuniti giornalisti per protestare contro questo abominio.
Le minacce già sono state avviate, il ministro del senato Schifani ha denunciato Il Fatto Quotidiano (denuncia civile) chiedendogli 720.000 euro(link) per aver parlato dei rapporto torbidi tra lui ed i suoi clienti arrestati tutti per mafia durante la professione di avvocato, stessa sorte toccata ad Antonio Tabucchi.
Oggi la Cina, anche a noi capiterà la stessa sorte?

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...