martedì 2 febbraio 2010

Il mio intervento al sit-in del popolo viola napoli


L’ informazione in Italia è morta, questo è un dato di fatto, vi do due dati, siamo 73 nella classifica mondiale per quanto riguarda la liberta di stampa, siamo nella categoria dei paesi semi-liberi, il perché è semplice, abbiamo un imprenditore che gestisce 3 televisioni, questo imprenditore è anche il presidente del consiglio e con i poteri datigli dalla legge può controllare le altre tre presenti sul nostro territorio, gli italiani per l 80% si appoggiano solo alla televisione per tenersi informati, quindi tirando le somme sono assoggettati alle bugie che quotidianamente dice Berlusconi, l'altro 20% che si informa sul web sta vedendo man mano sparire la possibilità di far sapere alle persone la verità.
Il ministro dell’ interno Maroni voleva con un decreto legge censurare la rete con la scusa dell’ attentato che ha subito il nostro premier, se si continuerà così faremo la fine degli stati comunisti, e ritorneremo nel ‘700, come quando c’ era la propaganda clandestina ed i libri sovversivi passavano sottobanco, solo pochi giornalisti, come Marco Travaglio, Peter Gomez, Lirio Abbate e Roberto Saviano, e la testata come il fatto quotidiano resistono.
Ma questi sono tutti i giorni calunniati da quella parte di giornalisti corrotti, e allora ho capito questo, ovvero che in Italia non esistono giornalisti bravi o giornalisti incapaci, ci sono quelli che dicono la verità e poi ci sono i servi, la prova che l’ informazione in Italia non esiste sono ad esempio il caso parmalat e la cacciata di Enzo Biagi, qui c e una situazione che in nessun altro stato democratico esiste, le notizie che vengono stampate sui giornali in altri paesi farebbero cadere governi e far andare in carcere gran parte della classe politica, in America la stampa è il cane da guardia della democrazia, nel nostro paese la stampa è il cane da compagnia o da rimorchio, finisco citando una frase di montanelli, l unico padrone del giornalista è il lettore e non il suo editore.

Per vedere i video degli interventi clikka qui

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...