martedì 10 novembre 2009

Fini non ci stà


Oggi si terrà il faccia a faccia tra il premier e il presidente della camera per discutere sui punti cardine della riforma della giustizia. Fini si dice favorevole a concordare il patto che il premier vuol stipulare con i suoi alleati (vedi post precedente), ma non approva l' abbreviazione della prescrizione, ne tantomeno l' assoluzione a tutti i processi che durano più di sei anni (guarda caso c' entra Berlusconi). La riforma quindi prevede che un appello non possa durare più di due anni.
Si apre la discussione su un altro punto, ovvero il risarcimento legato ad un indennizzo sulla pena, ovvero una sorta di mini condono proposto dall avvocato Ghedini per scontare circa 200 mln di euro per le ditte del premier nelle sue vicende giudiziarie, ma anche questa è stata bocciata da Fini suscitando la rabbia nel presidente del consiglio, l ex di AN reclama con tono furioso le accuse e le mosse dal Giornale di Vittorio Feltri e da critiche infondate, l' alleanza pare che si stia dunque distruggendo, gli alleati hanno capito e non approvano queste norme che hanno un guscio d oro ma un ripieno di sterco.

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su MySpace Posta su StumbleUpon Condividi su Reddit Condividi su Delicious Altri...